10 VIAGGI EPICI DA FARE ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

24 January, 2017 - Redacción

Ti è piaciuto il nostro articolo?
10 VIAGGI EPICI DA FARE ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

1- Antartide
Il confine ultimo della Terra. Uno dei pochi viaggi più leggendari che si possono immaginare è quello di visitare l’unico continente della terra non popolato, ad eccezione di pinguini e scienziati.

antartide

2- “Road trip” agli antipodi
Come per la sua vicina Australia, uno dei modi migliori di percorrere la Nuova Zelanda è a bordo di un camper. Si possono visitare alcuni luoghi davvero speciali, come East Cape (nella foto), il tratto di terra più orientale del pianeta. Più ad est di questo capo… c’è solo il mare.

nueva-zelanda

3- Terra del fuoco
Viaggiando per terra o per mare, realizzando la traversata dello storico e agitato stretto di Magellano, la penisola della Terra del fuoco (Argentina e Cile) permette di scoprire alcuni dei (pochi) paesaggi davvero selvaggi che rimangono al mondo. Inoltre, navigheremo nella storia: fu il passaggio chiave nel primo giro del mondo, che iniziò Ferdinando Magellano e terminò Juan Sebastián Elcano.

tierra-del-fuego-flickr

4- I mari del sud
Quando un viaggiatore pensa di visitare un paradiso lontano ed esotico, immagina questo: piccole isole perse nel Pacifico del sud, circondate da limpide acque turchesi, nelle quali staccarsi dal mondo alloggiati in piccole capanne sul mare. E Tahiti, nella Polinesia Francese, è probabilmente la più conosciuta.

tahit-polinesia-francesa-flickr

5- Le cattedrali della terra
Si tende ad identificare l’Himalaya con le grandi montagne del Nepal (Everest, massiccio dell’Annapurna), ma la cordigliera più alta della terra si prolunga verso il Karakorum pakistano, di aspetto più brullo e selvaggio, e i cui ghiacciai sono scortati, ugualmente, da bellissime montagne alte più di 8 mila metri. Una di queste è il Baltoro (nella foto), che si può percorrere con trekking guidato e sulla quale si possono contemplare le Torri del Trango, le cattedrali della Terra.

glaciar-baltoro-flickr

6- Kenya
“La mia Africa” (1985), film di Sydney Pollack con Robert Redford e Meryl Streep, fece diventare di moda i viaggi in Kenya. Non solo: rese mitici i paesaggi della savana africana, a base di tramonti insuperabili. Anche se la storia tra i protagonisti non compare nel romanzo originale (Out of Africa, di Isak Dinesen), forse però aiutò a diffondere il messaggio centrale del libro: l’amore per l’Africa, i suoi paesaggi e la sua gente.

monte-kilimanjaro-kenia-pixabay

7- Il grande nord
Chi ama l’avventura non può prescindere da una destinazione come il Territorio Yukon: percorrere l’estremo nordovest del Canada alla ricerca dei resti della Gold Rush canadese (attenzione agli orsi grizzly), l’ultima grande febbre dell’oro che si conosce. Ad esempio, scendendo in canoa il fiume Yukon, attraverso un’apoteosi di natura praticamente intatta.

lago-yukon-en-canad-flickr

8- “Coast to coast”
Anche se le ampie autostrade interstatali l’hanno cancellata dalla mappa, la Route 66 è stata una delle migliori forme per percorrere gli Stati Uniti (quasi) da costa a costa. Da Chicago a Los Angeles, poche strade sono più leggendarie di quella chiamata Mother road (Strada madre), resa un mito nel tempo grazie alla letteratura, al cinema e al rock.

cartel-de-la-ruta-66-estados-unidos-pixabay

9- La Via della seta
Nella più classica mitologia dei viaggi si trova questa rotta commerciale che, dalla Cina, si estese per tutta l’Asia, con ramificazioni fino a occidente. Quel tessuto fece furori, senza dubbio. Attraverso deserti come il Taklamakan, grandi montagne e territori inospitali, attualmente ci sono mille variabili possibili per realizzarla: da quella di salire su un treno di lusso fino a montare su una moto di grande cilindrata e iniziare ad attraversare le frontiere. In ogni caso, finirai sempre nella leggendaria Samarcanda.

samarcanta-uzbekist-n-flickr

10- La città che non delude mai
C’è qualche posto più consigliabile di questo, tra le destinazioni da visitare almeno una volta nella vita? Se ce ne sono, si contano sulle dita di una sola mano. Machu Picchu, la città perduta degli Incas, riceve ogni anno milioni di turisti – è indispensabile prenotare l’ingresso con molti mesi d’anticipo -, anche se, fortunatamente, molti di questi non salgono fino alla cima vicina Huayna Picchu, il miglior punto d’osservazione della città (nella foto). Imperdibile.

machu-picchu

Iscriviti a Turista Curioso!

Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter