5 luoghi della mitologia classica che si possono ancora visitare

4 October, 2015 - Redacción

evidenza
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Seguire i passi di Ulisse, scoprire dove vivevano gli Dei greci o mettersi nei panni del Minotauro: tutto questo è ancora possibile. Alcuni dei luoghi descritti dalla mitologia classica sono sopravvissuti al passare del tempo. Ecco i nostri suggerimenti.

 

MONTE PARNASO: secondo la mitologia, il Parnaso era dedicato sia ad Apollo sia alle 9 Muse, ispiratrici delle arti, delle quali era una delle residenze predilette. E’ anche il luogo dove Hermes apprese l’arte della divinazione attraverso le pietre e dove fondò il primo insediamento dorico. Una parte importante del Parnaso è oggi un parco nazionale, apprezzato per i suoi boschi, le sue valli, la fauna e le numerose specie floreali. Sul pendio meridionale del Parnaso c’è il santuario di Delfos, dedicato ad Apollo, che ospitava il famoso oracolo.

 

parnaso

 

LABIRINTO DI CRETA: secondo la mitologia greca, quando Zeus rapì Europa, la portò a Creta e dalla loro unione nacquero 3 figli. Uno di questi, Minos, si sposò con una donna che diede i natali al Minotauro, che fu rinchiuso nel labirinto ed ucciso successivamente da Teseo, con l’aiuto di Arianna. Oggi è possibile visitare il palazzo di Knossos, vicino ad Heraklion. L’intricata struttura di questo palazzo, in cui si può contemplare il famosissimo affresco dei Delfini, probabilmente fece nascere la leggenda del Labirinto del Re Minos.

 

knossos

 

MONTE OLIMPO: situato a 420 chilometri da Atene, è la montagna più alta della Grecia e la seconda dei Balcani, con 2919 metri di altitudine. Per la mitologia greca, l’Olimpo era la casa degli Dei, le principali divinità del Pantheon, presieduto da Zeus. I greci credevano che sull’Olimpo gli Dei vivessero in case di cristallo. Si tratta di un’escursione lunga ma ne vale la pena. Il periodo miglior eè tra aprile e luglio. Sono necessari 2 giorni per completare la salita e rientrare. Ci sono vari rifugi lungo il cammino, in cui è possibile passare la notte.

 

olimpo

 

MICENE: è un sito archeologico situato nella penisola del Peloponneso. Secondo la mitologia greca, Micene fu fondata da Perseo, dopo la morte accidentale di Acriso, re di Argos. Era il regno dell’eroe omerico Agamennone, capo degli Achei durante la guerra di Troia. Omero la descrive come ‘ricca di oro’. La ricchezza della città era proverbiale nell’antichità. Oggi è considerato uno dei luoghi storici più importanti dell’antica Grecia. Possiede un sito archeologico a 120 chilometri da Atene. Durante l’Impero Romano, Micene era considerata un’importante località turistica. Non dimenticarti di visitare la Porta dei Leoni, il simbolo della città. Fu costruita nel 1250 a.C. e la sua apertura misura 3,72 x 3,5 metri. Sulla porta sono raffigurati due leoni rampanti di quasi 3 metri di altezza. Anche le tombe reali meritano una visita.

 

micenas

 

MONTE CIRCEO: situato a 100 chilometri da Roma, è il luogo mitologico in cui la maga Circe trasformò i compagni di Ulisse in maiali. Nell’Odissea di Omero, la casa di Circe è descritta come una struttura in pietra eretta al centro di un bosco, circondata da lupi e leoni. Oggi, San Felice del Circeo è un’apprezzata località turistica. Dicono che il Monte Circeo rappresenti la silhouette di Circe mentre dorme.
E’ interessante scoprire i muri ciclopici: si tratta di enormi megaliti tagliati e montati a secco grazie ad un complesso sistema di incastri poligonali. Questi muri furono costruiti durante l’età del Bronzo nel Mediterraneo. I più famosi sono a Micene.

 

circeo

Iscriviti a Turista Curioso!

Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter

Vuoi ricevere la nostra Newsletter?