7 CASE SCENARIO DI CRIMINI ED OMICIDI FAMOSI

26 October, 2015 - Redacción

evidenza
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Non sono poche le celebrità che, durante gli anni, sono state protagoniste di storie di delitti inimmaginabili, sia come vittime sia come carnefici. Le loro case si sono trasformate in scenari di crimini efferati e morti violente. Questi immobili attirano ogni anno migliaia di curiosi e fanatici che visitano la zona per rendere omaggio ai propri idoli o per curiosità morbosa. Ecco alcuni esempi.

 

LA RESIDENZA DI GIANNI VERSACE (MIAMI): nel luglio del 1997 lo stilista stava percorrendo, verso casa sua, un tratto di Ocean Drive, a Miami. Giunto sulla soglia di casa, Andrew Phillip Cunnan, uno degli assassini più ricercati degli Stati Uniti, gli sparò diversi colpi a bruciapelo, uccidendolo. Alcuni giorni dopo, Cunnan fu trovato cadavere in uno yacht: si era suicidato con la stessa pistola con cui aveva ucciso Versace.

 

CriVersace-750x390

 

LA VILLA DI SHARON TATE (BEVERLY HILLS – LOS ANGELES): il 9 agosto 1969, Sharon Tate, moglie di Roman Polansky, incinta di 8 mesi, fu assassinata insieme a 4 amici dagli adepti della setta ‘La Famiglia’, guidata da Charles Manson. Gli assassini entrarono nella villa ed assassinarono a sangue freddo tutti i presenti. La giovane attrice fu accoltellata con 16 fendenti e il suo sangue fu utilizzato per scrivere sulla porta di casa la parola ‘pig’ (maiale).

 

CriPolanski-750x390

 

LA CASA DI FAMIGLIA DI JENNIFER HUDSON (CHICAGO): nell’ottobre del 2008, William Balfour, ex marito di Julia Hudson, fu il protagonista di un evento raccapricciante. Julia era la sorella di Jennifer Hudson, famosa per aver partecipato alla 3^ edizione del talent show ‘American Idol’. Per gelosia, in un attacco di follia, Balfour uccise la madre, il fratello e il nipote di Jennifer sparando loro a sangue freddo. Successivamente fu condannato all’ergastolo.

 

CriHudson-750x390

 

LA RESIDENZA DI OSCAR PISTORIUS (PRETORIA, SUD AFRICA): all’alba del 14 febbraio 2013, l’atleta Oscar Pistorius assassinò a colpi di pistola la fidanzata, la modella Reeva Steenkamp. Le sparò attraverso la porta del bagno di casa. L’atleta ha sempre dichiarato di aver confuso la ragazza con un intruso. Quindi sostiene di aver preso l’arma al buio sparando 4 volte verso Reeva. La giustizia lo ha condannato a 5 anni di prigione.

 

CriPistorius-750x390

 

LA PROPRIETA’ DI MARIE TRINTIGNANT (NEUILLY SUR SEINE, FRANCIA): a luglio del 2003, l’attrice francese Marie Trintignant fu colpita più volte dal suo convivente Bertrand Cantat, fino a perdere conoscenza. L’uomo, leader del gruppo Noir Désir, sembra fosse geloso perché l’attrice aveva ripreso i contatti con l’ex marito e la colpì 19 volte fino ad ucciderla. Lei aveva 41 anni.

 

CriTritignan-750x390

 

LA CASA DEL ‘CANNIBALE’ (ROTHENBURG, GERMANIA): Azmin Melwes si fece conoscere per un terrificante avvenimento. Un giorno pubblicò su internet un annuncio in cui ricercava persone disposte a farsi uccidere e mangiare. Rispose Bernd-Juergen Brandes, un ingegnere di 43 anni di Berlino, con le fantasie opposte a Melwes (essere mangiato). Nella sua casa di Rothenburg, ‘il cannibale’ uccise effettivamente la sua vittima, squartandola e mangiandola. Il tribunale di Kassel lo condannò a 8 anni e mezzo di carcere.

 

CriCanibal-750x390

 

IL LUSSUOSO IMMOBILE DI ALEXANDER MC QUEEN (LONDRA): l’11 febbraio 2010 lo stilista inglese Alexander McQueen fu trovato morto nella sua casa londinese. La morto del noto enfant terrible della moda internazionale avvenne esattamente 3 anni dopo il suicidio della sua miglior amica, Isabella Blow, che lo aveva aiutato a farsi conoscere nel mondo della moda, anni prima.

 

CriMqueen-750x390

 

Iscriviti a Turista Curioso!

Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter