Più diritti per i bagnanti, spiagge liberate dai giudici

20 Giugno 2018 - Redazione

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Più diritti per i bagnanti?  Nonostante le bizze del tempo di questa fine primavera si avvicina il periodo in cui potremo approfittare di weekend e settimane di ferie per goderci mare e sole in spiaggia. La fortuna dell’Italia è quella di avere a disposizione oltre 5mila km di spiagge balneabili, dei 7mila km di coste, ma molte volte si ha l’impressione che l’accesso al mare non sia così scontato.

Più diritti per i bagnanti, spiagge liberate dai giudici

Eppure all’alba di questa estate 2018 sono i giudici a ribadire il diritto del bagnante ad arrivare sulla battigia. Le ultime sentenze (pronunciate in Sardegna, in Campania e nel Lazio) parlano chiaro e lo dice Giampiero Cirillo, presidente della sezione del Consiglio di Stato: la giurisprudenza pone il mare quasi al livello d’un bene costituzionalmente garantito, una cosa comune per godere della quale non si può essere costretti a fermarsi davanti a barriere invalicabili. Ricordatevi quindi che è un vostro diritto raggiungere il mare.

Le spiagge libere in Italia non raggiungono la metà del litorale disponibile e addirittura in alcune Regioni i dati sono incredibili: in Emilia Romagna il 23% è spiaggia aperta a tutti, in Lazio il 15% e in Liguria soltanto il 14%. Ma godersi il mare non deve essere un privilegio per chi è disposto a pagare per sdraio, lettini e ombrelloni.

Il diritto di entrare gratuitamente, raggiungere il mare per la via più breve, e decidere se fare il bagno o prendere il sole, senza intralciate il passaggio dei mezzi di soccorso.

Più diritti per i bagnanti, spiagge liberate dai giudici

La legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 251 prevede “l’obbligo per i titolari delle concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante l’area compresa nella concessione, anche al fine della balneazione“. Quindi potete avvicinarvi al mare, stendervi sul vostro telo, bagnarvi o sostare e soprattutto far valere i vostri diritti, per avere alcuni consigli c’è il manuale di autodifesa del bagnante.

100317-turista

« »
Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter