Via Spluga, alla scoperta del fantastico sentiero tra Italia e Svizzera

3 maggio 2018 - Redazione

Ti è piaciuto il nostro articolo?
Via Spluga, alla scoperta del fantastico sentiero tra Italia e Svizzera

Da Thusis a Zillis, da Andeer a Spluga fino a Chiavenna, attraversando la “Viamala” e il “Passo Spluga”: ecco la Via Spluga, la mulattiera di epoca romana lunga 65 km che collega la Svizzera all’Italia.

Un sentiero naturalistico e culturale che narra la storia delle genti a cavallo tra Italia e Svizzera e il loro intimo rapporto con la natura. Un’esperienza unica tra passeggiate, trekking ed escursioni, senza rinunciare alla comodità di ristoranti tipici e hotel.

Per scoprire la Via Spluga potete approfittare dei pacchetti proposti dal “Consorzio Turistico Valchiavenna: itinerari ben organizzati, scanditi da soste e visite guidate. E’ possibile anche scegliere solo alcune di queste tappe o viaggiare in modo indipendente. Ricordate, però, che si tratta di sentieri di montagna che richiedono attenzione e un abbigliamento adeguato.

Se desiderate raggiungere Thusis in treno ecco alcuni utili consigli per il viaggio.

La “Viamala”

 Via Spluga

Situata nel Canton Grigioni, Thusis è il punto di partenza della Viamala e per secoli uno snodo cruciale per i mercanti e viandanti diretti in l’Italia. Il percorso si dispiega tra le pareti di roccia del passaggio del Verlorenes Loch, alte fino a 300 m, il suggestivo ponte della Traversina, sospeso sulle acque del Reno, e la stretta “Gola della Viamala”.

Giunti a Zillis è d’obbligo visitare la chiesa medievale di San Martino: il suo soffitto ligneo racconta la vita di Cristo in 153 tavole. Andeer, adagiata nella Val Schams, offre ristoro e benessere ai viaggiatori grazie al suo rinomato centro termale.

Verso l’Italia attraverso la “Gola della Roffla”.

Da Andeer si prosegue attraversando la “Gola della Roffla”: realizzato agli inizi del ‘900 da Christian Pitschen- Melchior, il percorso attraversa la viva roccia fino alle cascate formate dalle acque del Reno. Per scoprirne la storia potete visitare il museo situato all’imbocco della gola.

L’itinerario verso il Passo dello Spluga, porta d’accesso all’Italia situata a 2115 m s.l.m, comprende la cittadina di Splügen, apprezzata località sciistica ai piedi del Pizzo Tambò.

Chiavenna: meta della Via Spluga

 Via Spluga

A 3 km dal Passo dello Spluga, tra ampi pascoli verdeggianti, sorge la deliziosa località di Montespluga, dove la Val Loga e la Valle Spluga si incontrano. Superata “Gola del Cardinello”, le tappe successive conducono alla meta finale di Chiavenna, ai piedi delle Alpi Retiche.

Se il “Muvis” di Campodolcino narra la storia della Via Spluga, il Santuario di Gallivaggio e il “Museo del Tesoro” di Chiavenna testimoniano della vita religiosa e artistica delle popolazione della Valchiavenna. Luoghi ricchi di suggestioni per concludere un viaggio attraverso i secoli e l’aspra bellezza della montagna.

100317-turista

Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter