Waitomo Glowworm Caves, lo spettacolo delle lucciole

19 settembre 2019 - Redazione

Ti è piaciuto il nostro articolo?

100317-turista

In Nuova Zelanda, sull’Isola del Nord, si trovano le Waitomo Glowworm Caves, un complesso di grotte calcaree abitate da migliaia di insetti luminescenti e in cui potete ammirare lo spettacolo di un cielo stellato “sotterraneo”.

Le Waitomo Glowworm Caves in Nuova Zelanda
Le Waitomo Glowworm Caves, un complesso di grotte di natura calcarea che si trovano nell’omonimo distretto sull’Isola del Nord in Nuova Zelanda, rappresentano uno dei pochi luoghi al mondo dove potete essere testimoni di un fenomeno unico, tanto che spettacoli naturali di questo tipo si registrano solo nella Baia di Toyama in Giappone e sui laghi di Gippsland, in Australia. Infatti nelle grotte di Waitomo vivono migliaia di piccoli insetti simili a delle lucciole e che secondo gli esperti è possibile trovare solamente in Oceania ma la vera particolarità è che la loro bio-luminescenza (un fenomeno chimico che consente agli organismi di emettere luce) è in grado di ricreare nelle caverne un cielo stellato sotto il livello del suolo.

La storia delle caverne illuminate
Nonostante la loro esistenza fosse nota sin da tempi antichi, la conoscenza delle Waitomo Glowworm Caves è relativamente recente dato che solo negli ultimi anni sono diventate una delle principali attrazioni turistiche dell’isola neozelandese e si è cominciato a organizzare delle visite guidate. Infatti la prima esplorazione di queste cavità risale al 1887 quando Fred Mace, un geometra inglese, e un Maori capo di una tribù locale decisero di avventurarsi al loro interno con una zattera e muniti di candele: i due descrissero con notevole dovizia di particolari queste lucciole e il modo in cui irradiavano un bagliore che variava dal verde al blu dando vita a quella volta celeste luminescente che vi lascerà senza fiato quando nelle grotte l’oscurità è completa.

L’apertura al pubblico e le visite guidate
Dopo quella scoperta la bio-luminescenza data dalle minuscole creature che popolano le Waitomo Glowworm Caves è diventata di pubblico dominio: successivamente nel 1906 l’amministrazione di questo complesso di oltre 400 grotte la cui origine è stimata a circa 30 milioni di anni fa è passata al Governo della Nuova Zelanda che ha deciso di valorizzare tale scenario aprendo degli accessi molto più agevoli per i visitatori. Durante i tour organizzati mediante delle barche o facendo rafting quindi potrete non solo osservare il modo in cui, pian piano, sopra le vostre teste questi insetti si illuminano e si spengono dopo pochi istanti, ma capirete le origini di tale fenomeno: infatti l’intensità del bagliore e il modo in cui percepirete il colore dipendono anche dal grado di nutrizione delle stesse lucciole.

100317-turista

« »
Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter