Forest Therapy, il bagno multisensoriale nella foresta

7 maggio 2019 - Redazione

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Forest Therapy, il bagno multisensoriale nella foresta

Al giorno d’oggi si sente parlare di svariate forme di terapie alternative per curare il corpo e la mente dell’uomo: ultima in tal senso è la Forest Therapy, proveniente direttamente dal Giappone.

Come nasce la Forest Therapy

In Giappone, la culla dell’affascinante filosofia zen, è nato lo Shinrin-yoku che letteralmente significa bagno nella foresta: consiste in un’esperienza multi sensoriale che viene vissuta in un ambiente totalmente green, vale a dire una foresta.

Il primo ad utilizzare questo termine è stato Tomohide Akiyama, direttore nel 1982 dell’Agenzia dell’Agricoltura, delle Foreste e della Pesca: egli arrivò a capire che l’uomo deve essere curato nella psiche e nel corpo attraverso Madre Natura.

Forest Therapy, il bagno multisensoriale nella foresta

Lo scopo di Akiyama era nello stesso tempo fornire una forma di cura alternativa per i malesseri umani, ma anche tutelare il patrimonio naturale della Terra: nessuno infatti avrebbe mai messo a repentaglio quelle splendide foreste ed i boschi che avrebbero aiutato l’uomo a raggiungere il proprio benessere.

Lo Shinrin-yoku ha talmente preso piede in Giappone che lo stesso Governo nipponico ne ha fatto oggetto di una vera e propria politica sociale e sanitaria, invitando i cittadini a praticare questi bagni nella foresta.

Lo Shinrin-yoku si pratica camminando nella foresta, molto lentamente (pensate che di regola ci vogliono ben 2 ore per percorrere solamente 2 km), e soprattutto meditando, attingendo ai principi zen, buddisti e dello yoga.

Come praticare la Forest Therapy

Solo decidendo di mettervi alla prova con questa nuova esperienza potrete appurarne i benefici: lo Shinrin-yoku fa bene al cuore, aiuta a combattere il diabete ed a migliorare la respirazione, senza contare i miglioramenti a carattere mentale combattendo stress, stati depressivi ed ansie.

Scegliete uno dei tanti polmoni verdi del pianeta oppure recatevi lì dove è nata questa nuova forma di terapia: in Giappone infatti esistono ben 70 percorsi per praticare i bagni nella foresta, accompagnati da guide esperte.

Forest Therapy, il bagno multisensoriale nella foresta

In particolare, nella prefettura di Mie sorge una meravigliosa foresta di cedri rossi, estesa nella Valle di Tsue: mettete in pratica lo Shinrin-yoku ed utilizzate tutti e 5 i sensi catturando ogni immagine, toccando la rugiada sulle foglie, accarezzando le cortecce, immergendo i piedi nei corsi d’acqua, ascoltando il vento frusciare tra le fronde oppure il cinguettio degli uccelli.

La percezione della bellezza e di tutti i misteri dell’universo viene indicata in Giappone col termine Yūgen: è questa la chiave per riallacciare quel benefico legame primordiale con la natura.
100317-turista

Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter