Tutta la magia della Toscana a Sovana, tra paesaggi incantevoli e buon cibo

3 maggio 2019 - Redazione

Ti è piaciuto il nostro articolo?
Tutta la magia della Toscana a Sovana, tra paesaggi incantevoli e buon cibo

100317-turistaIn Toscana il piccolo borgo di Sovana vi stupirà per l’incredibile concentrato di storia, cultura e tradizioni. Una piccola comunità capace di conservare nei secoli il proprio carattere etrusco e di aver trovato la forza di rinascere anche grazie all’inserimento nella stretta cerchia dei caratteristici borghi d’Italia. Ecco la sua storia e cosa vedere.

Toscana a Sovana

Sovana, caratteristico borgo etrusco della Toscana

Sovana è un  borgo etrusco ma anche  piccola comunità di circa 460 abitanti ubicata nella provincia di Grosseto in Toscana, è una meta che vi stupirà per come sia riuscita a portare fino ai nostri giorni, così tanti esempi di vera arte etrusca non contaminati dalle ristrutturazioni barocche che hanno interessato l’intera regione.

Sovana è un borgo etrusco che si è trovato nel VII secolo avanti Cristo ad essere sottomessa al potere della nascente Roma senza tuttavia perdere la propria identità culturale e storica. Nel corso dei secoli ha saputo ritagliarsi un ruolo rilevante diventando nel IV secolo, una delle prime realtà toscane a convertirsi al Cristianesimo grazie all’opera evangelica di San Massimiliano peraltro dando vita ad una leggenda circa un favoloso tesoro nascosto (sarà poi questa leggenda ad ispirare la stesura del celebre romanzo Il Conte di Montecristo).

Inoltre ha dato i natali ad uno dei più importanti papi della storia come lo è stato Gregorio VII. Nonostante tutto questo Sovana era caduta in disgrazia da un punto di vista diventando un vero e proprio paese fantasma. Soltanto recentemente grazie al suo inserimento tra i caratteristici borghi d’Italia, ha saputo rinascere con tantissime strutture ricettive che sono state aperte per soddisfare la crescente domanda turistica.

Toscana a Sovana

Cosa vedere a Sovana: la Rocca e Piazza della Pretoria

Sovana è un concentrato di arte, storia e cultura che potete visitare facilmente a piedi nel giro di poco tempo giacché tutte le location di interesse sono praticamente contigue. Tra le cose da vedere spicca la Rocca Aldobrandesca.

Un tempo oltre che un imponente centro di difesa per la città, permetteva anche di soddisfare alcuni servizi vitali come il rifornimento idrico, un pratico magazzino dove convogliare tutto il grano raccolto ed un forno. È stata costruita ai tempi degli etruschi ma ancora oggi potete apprezzarne le mura, l’ingresso ed un torre che dominava tutta la vallata.

Il centro focale di Sovana è però concentrato in Piazza del Pretorio dove è posizionato l’antico palazzo del Pretorio risalente al XIII secolo, all’interno del quale c’è un interessante archivio di documenti storici e soprattutto un museo dove vengono conservati i resti della Tomba Ildebranda e della Necropoli Etrusca.

Toscana a Sovana

La chiesa di Santa Maria Maggiore e il Duomo di Sovana

Rimanendo a Piazza della Pretoria potete ammirare la Chiesa di Santa Maria Maggiore al cui interno c’è una vera chicca: un esempio di antico ciborio ancora intatto. Inoltre, ci sono alcuni affreschi realizzati nel corso del Quattrocento.

Sempre nella piazza potrete incontrare, a poche decine di metri di distanza, il Duomo di Sovana al cui interno è conservata la reliquia di San Massimiliano. Rimarrete colpiti dalla sensazione di serenità che si respira a pieni polmoni e dalla cripta il cui accesso è posto sotto l’altare e nella quale sono conservate alcune opere scultoree che rimandano ad una religione diffusasi molto prima dell’opera di evangelica dello stesso San Massimiliano.

100317-turista

Vuoi ricevere le migliori offerte?

Registrati per ricevere la nostra Newsletter